Vita o Morte secondo Sam

 vitaLa narrativa secondo Sam....il concetto di vita e di morte.

Era il 1954 quando, forse per volere di Dio, trovai il diario del mio bisnonno. A quel tempo ero solo un ragazzo, meglio chiamato Mark Dine. C'era una mappa all'interno del diario, una mappa per la Groenlandia. In quel momento pensai che forse il mio bisnonno era disperso in quel posto, da anni...era scomparso senza dire niente a nessuno.

Partii con il mio fedele amico, il mio cane Arcantus, del cibo e dell'acqua, lo stretto necessario per ,al massimo,  un mese. Un coltello a serramanico e una tenda. Arrivai dopo qualche giorno...era una landa desolata, fredda e non c'era nessun essere che avesse vita nel giro di chilometri ad eccezione di Arcantus e me. Camminai per giorni e non mi diedi pace. Dopo un mese mi resi conto che le provviste non mi sarebbero bastate, quindi, ormai rassegnato, cercai di tornare indietro. Dopo quattro giorni capii che non sarei sopravvissuto.  Iniziai ad avere fame e troppo freddo e mi accorsi che, se avessi aspettato ancora, sarei morto di fame o assiderato. Mi sorpresi di guardare Arcantus e di trovarlo appetitoso. Pensai addirittura di togliergli la vita quando,  in quell'istante, vidi una bestia feroce all'orizzonte. Non riuscii a distinguere che animale fosse finchè non mi venne incontro. In quel preciso momento vidi che era un orso polare. Presi il coltello e, in quei pochi secondo di vita, pensai che l' orso sarebbe stato la mia salvezza o la mia rovina. Non avendo scelta decisi di rischiare e di lottare per la vita.

[Read more...]