Teo…la nostra storia e la nascita del marchio Teo I’m cool

Perchè nella vita si deve pur credere in qualcosa ed io e Teo ne siamo la testimonianza!

Il mio nome è Teo, sono un vanitoso maltesino nato il 20 marzo 2016 a Forlì, in uno splendido allevamento.  Le mie giornate  trascorrevano tranquille con mamma, papà e ben 8 tra fratellini e sorelline. Ogni tanto, però, mi sorprendevo a meravigliarmi nel veder entrare, in quella che reputavo essere la mia abitazione, qualche nuovo umano e, come per magia, dopo ore in cui venivamo presi e scrutati in ogni minimo dettaglio, qualcuno dei miei fratellini scompariva nel nulla lasciando in me molta tristezza. Un pomeriggio come tanti, proprio mentre stavo dormendo accoccolato alla mia mamma, accadde una cosa strana e molto inaspettata. Vidi avvicinarsi al mio box il mio allevatore. Senza nessuna coccola e senza proferir parola, mi prese e mi mise tra le braccia di un umano di sesso femminile dal sorriso sincero e dai modi gentili. Rimasi esterefatto nel notare che, senza porre nessuna domanda al mio allevatore e senza studiarmi, l’umano mi portò via. Nel lungo viaggio in auto ero spaventato ma lei, nonostante le avessi vomitato addosso, continuava a tenermi in braccio, ad accarezzarmi, sorridermi e pronunciare parole che non riuscivo a comprendere ma che avevano un tono dolcissimo. Mi condusse in un luogo dai grandi spazi dove conobbi un altro giovane umano anche lui dolce ed affettuoso, ma di sesso maschile. Impiegai diversi mesi per fidarmi di loro, mesi in cui mi rifugiavo nel mio angolino a studiarli, senza pronunciare parola, mesi in cui non riuscivo a comprendere appieno il significato delle loro frasi, ma avevo ben chiare le sensazioni provocate in me dal dolce tono con il quale venivano pronunciate.  A poco a poco, così, decisi di iniziare a comunicare con loro, ad abbaiare, a giocare insieme a loro ed a dimostrare anche io il mio amore. Arrivò l’inverno e mi ammalai. Mi portarono in un brutto luogo carico di odori strani dove un signore dal camice lungo ci informò che avevo la febbre e sgridò con tono cattivo la mia mamy per il non farmi indossare niente nelle nostre passeggiate al parco. Cosa poteva saperne lei, prima di me aveva avuto con sè solo cani di taglia grande i quali non sono così delicati come lo sono io! Iniziammo, così,  a visitare molti negozi alla ricerca di un cappottino per me, ma la mia mamy non faceva che trovare difetti in tutti e nessuno mi stava bene. Si, è vero, sono bellissimo e molto “cool “ma, non credo sia esattamente un difetto, sono più alto e più magro di un maltese standard.

…E così accadde.

Dopo settimane girando in lungo ed in largo alla ricerca del cappottino perfetto, in un giorno qualunque in cui eravamo al lavoro, la mia mamy mi guardò con quello sguardo che ha sempre quando ha un’ idea (o almeno crede) e mi disse: ” Ehi, Teo, ma se da una vita creo capi di abbigliamento per gli umani, possibile che non posso ideare un cappottino per te?”

Questo fu l’inizio del tutto. L’ inizio del marchio Teo I’m cool in mio onore.  Il nostro inizio, mio e della mia mamy . L’inizio della nostra avventura, di un progetto ambizioso, di sacrifici, di studio ma anche di tanto divertimento e di nuove avventure trascorse insieme. L’inizio di un marchio che non poteva esserci se non grazie all’ esperienza ed alla creatività della mia mamy, al mio essere molto “cool” e fotogenico, ma soprattutto, alla complicità che noi due abbiamo semplicemente guardandoci.

E se siete curiosi di sapere ad oggi come trascorro le mie giornate, eccovi accontentati. Mi divido (un maltesino intelligente lo deve sempre fare) tra lo star seduto sulle gambe del mio fratellino mentre studia o fa finta di studiare (questo devo ancora capirlo) ed il lavorare con la mia mamy divertendoci a creare capi sempre più perfetti e stilosi che poi, con fare vanitoso, amo indossare nei miei shooting fotografici.

Perchè non venite a conoscerci ed a sostenere il nostro progetto? Ci farebbe davvero molto piacere! Cliccate qui: TEO I'M COOL 

Navigando nello Shop avrete modo di testare di che pasta siamo fatti!

 

Diventa MEMBRO di Amici in Affitto, entra nella community. Potrai inserire il tuo profilo ed avrai la possibilità di interagire direttamente con tutti i membri , professionisti e non, partecipando a molti gruppi. Potrai offrire le tue capacità professionali ed usufruire di consigli di esperti.

Io ed il mio…Io

ioOra tocca a me, ora voglio essere me stesso e seguire ciò che il mio io mi urla!

Trascorri giorni, mesi, anni ad essere ciò che gli altri vogliono tu sia, tralasciando il tuo io.

Da piccolino i tuoi genitori ti educano ad essere ciò che è socialmente adeguato ed utile. Ti insegnano a vestirti come è buona norma agghindarsi, a parlare con termini, dialettica, toni ed enfasi adeguati.

Ti invitano o forse è più appropriato dire, obbligano, a circondarti di persone del tuo stesso ceto sociale, che hanno la tua stessa educazione, religione ed i tuoi stessi principi, anzi, i loro.

Crescendo, poi, il lavoro ti richiede un determinato comportamento, atteggiamento, una buona dose di paraculaggine, un’ estrema abilità nel celare il tuo io e le tue emozioni. Se sei triste, preoccupato, arrabbiato devi tener tutto dentro e sorridere, essere accondiscendente, essere accomodante con colleghi, superiori, clienti. Se poi ti ritrovi a svolgere un lavoro al pubblico, il tutto viene elevato alla massima potenza.

Per non parlare delle amicizie….se non hai la fortuna di circondati di persone che tollerano la libertà di essere se stessi, ti ritrovi ad indossare la maschera del perbenismo, ad entrare nella loro scena ed essere un’ invisibile comparsa accanto al loro recitare il copione dei primi ballerini.

E quando poi hai una relazione? Tra l’entrare in gioco delle aspettative ed il voler piacere , andare d’accordo e non deludere l’altro, il tuo io viene letteralmente calpestato.

Ma nel fare questo, ci annulliamo.

Celiamo quell’ essere noi stessi che è fondamentale per star bene, annulliamo il nostro io. E nel frattempo gli anni passano e ci ritroviamo a non saper più neanche chi siamo, cosa vogliamo e quali sono le nostre indoli, i nostri desideri più reconditi. Ascoltiamo ogni campana, i vari guru, leggiamo chissà quanti libri alla ricerca del nostro io, dell’ equazione miracolosa che ci faccia tornare il sorriso e la voglia di vivere, ma non riusciamo più a ritrovare il nostro essere noi stessi, il nostro io, la nostra peculiarità.

ioA 20 anni non si comprende tutto questo….in fondo, viene quasi spontaneo adeguarsi! In fondo ci si sente bene tanto il bisogno di apparire! Ma crescendo, il nostro corpo si ribella.

Il nostro non essere noi stessi crea confusione e diventiamo insoddisfatti, niente ci arreca più gioia, felicità, tutto diventa senza colore e sapore e le emozioni si attenuano, a volte addirittura scompaiono. Si diventa apatici con se stessi e con tutto ciò che ci circonda.

Ci ammaliamo. C’è chi soffre di depressione, ansia, bulimia, fibromialgia, somatizzazioni e mille altre patologie. C’è chi diventa apatico per la vita in genere! E’ il nostro corpo che si ribella! Il nostro io! Lui che vuole esplodere e non riesce perché non glielo permettiamo!

[Read more...]