Amicizia….gruppi o individui?

 amiciziaChe cos'è l'amicizia?

Questa settimana ho avuto modo di imparare l’ennesima lezione che porterà ad un livello superiore la mia consapevolezza del complesso meccanismo che aziona i rapporti sociali nel 2015, soprattutto nell'ambito amicizia!

Passi tutta una vita (o magari non proprio tutta) a farti amare ed accettare dalle persone a cui tieni, a struggerti di essere come loro vogliono, a parlare la loro lingua, fare ciò che pensi faccia loro piacere…. Se hai un cuore buono e generoso ed un’elevata consapevolezza della psicologia e l’interiorità degli individui con cui ti relazioni, ti viene naturale farlo perché tutti noi siamo animali sociali e viviamo male isolati , adoriamo e ricerchiamo l' amicizia, ma nel fare questo perdi la consapevolezza di te stessa.

Tralasciamo per ora l’argomento amore, più complicato da spiegare in poche parole perché nelle relazioni tra uomo e donna (o tra uomo e uomo ecc….perchè discriminare direi) insorgono altre variabili come la gelosia, la paura dell’abbandono ecc….. ma vogliamo parlare dell' amicizia?

Và oggi di moda racchiudersi e definirsi in gruppi, i quali però, tendono a classificare e non amano la diversita’, a volte anche criticandola!

Un mio caro amico ieri mi ha detto: “ Anni fa il diverso veniva emarginato… oggi accade proprio il contrario, sono i diversi che emarginano!.. Se non sei vegano o vegetariano sei out, se non hai il karma giusto sei out, se non sei alla moda sei out, se non hai un’ indole esoterica, reiki, ascendenziale sei out!”

Ho impiegato mesi a voler farmi accettare ed a ricercare una bella amicizia in un gruppo di persone completamente diverse da me, con una quotidianità opposta alla mia (io sempre di corsa, con prole al seguito, conti a fine mese, lavoro impegnativo fuori città, concentrata nell’organizzazione esatta di ogni istante della giornata dove ogni singolo minuto deve combaciare ed essere finalizzato all’obbiettivo che si vuole raggiungere)… loro casalinghe (semplicemente un'altra categoria, assolutamente non criticabile, solo diversa) con tanto tempo a disposizione dedicato agli hobby più disparati, dalla cucina, agli angeli, allo shopping  ecc…hobby bellissimi da inseguire ma purtroppo impossibili per chi nella sua concreta quotidianità non ne ha il tempo! E non sapete quanto mi sono impegnata per dimostrare di avere argomenti in comune di conversazione, di possedere un sufficiente impegno nella cucina (io odio cucinare), una mista dose di veganesimo e misticismo ed avere sempre il sorriso sulle labbra. Credevo fosse questa la chiave per essere considerata da persone con abitudini ed una quotidianità tanto diverse dalla mia e per entrare in amicizia con loro!

Solo da poco ho capito che i miei sforzi e le mie azioni erano dovute in primis al mio buon cuore ed alla mia necessità di confronto ed interazione, in secondo luogo all’enorme rispetto e devozione che ho nei confronti del mio migliore amico (compagno di un membro del gruppo donne con una vita purtroppo o per fortuna differente dalla mia), uno di quelle persone che è accanto a te, non quando è semplice esserci, ma sempre, uno di quelle persone che sa comprendere a fondo il vero significato insito nella definizione amicizia!

Ma l’enorme lezione che ho imparato è stata comprendere che, invece di appagarmi, questi innumerevoli sforzi di essere la persona che credevo gli altri  volevano che io fossi, mi avevano talmente confusa da perdere l’orizzonte e non capire più cosa in realtà io volessi e mi facesse star bene sul serio.

Quindi ho deciso, ho rimescolato le carte….. Son tornata ad essere me stessa , con i miei pregi e difetti, orgogliosa di non adorare cucinare, di avere la consapevolezza che un piatto di spaghetti alla carbonara vegano senza uovo e parmigiano non può essere chiamato carbonara… (specifico che mangiar vegano è di certo buono e salutare ma non occorre per ovvie strategie di mercato chiamarlo allo stesso modo del cibo non vegano!) Son tornata ad essere orgogliosa di avere un gran cuore, di credere che l'amicizia rispetti l'unicità degli individui, con la mia semplice complicatezza o complicata semplicità, a voi la scelta e…. chi mi ama mi segua.

Il mio grande amico ha continuato ad adorarmi, anzi di più, perché ha ritrovato la persona che stima e di cui apprezza la schiettezza, l'originalità interiore  e la veridicità.

In fondo questo è il principio della vera amicizia, i veri amici sono coloro che ti amano per quella che sei, non per quella che vorrebbero tu fossi…..coloro che ti circondano non solo perché sei la carismatica del gruppo e quella sempre pronta ad aiutare il prossimo… gli amici, quelli veri, quelli che porterai sempre all’interno del tuo cuore, sono coloro che avrai accanto nei più svariati momenti in cui ne avrai bisogno, che piangeranno insieme a te, che gioiranno insieme a te, con i quali non avrai mai bisogno di parlare e giustificarti, con i quali basta uno sguardo e ci si capisce al volo!

“Se ami qualcuno lascialo ibero “ …diceva   Jim Morrison

Ogni essere umano ha l’insindacabile diritto di essere libero di manifestare se stesso sempre ed ovunque…mai diventare ciò che gli altri vorrebbero che fossimo….solo così saremo circondati da amicizie e grandi amori veri e sinceri.

Articolo a cura di amiciinaffitto.it. E’ possibile riproporlo non a scopi commerciali e integralmente solo citando la fonte e con un link cliccabile che punti all’articolo originale.

 

E tu, cosa ne pensi? Scrivi qui il tuo commento :-)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.